Sesto Lucchese

Uno dei gruppi giovani più interessanti degli ultimi anni con la guida di Nicola Rombi, figlio d’arte visto che il padre è tra i fondatori dello storico gruppo Amici Tradizioni Popolari, viene affiancato da Filippo Benassi e Federico Francesconi.
Il gruppo ha sviluppato un proprio modo di concepire il tappeto, ispirato sia a temi religiosi che a riflessioni sociali ha sempre una forte connotazione compositiva, con effetti tridimensionali e forte plasticità.

Annunci

Porta Nuova

Uno dei gruppi più longevi della manifestazione, nato nei primi anni ’80 attorno a Lino Brunini, il più anziano tappetaro in attività. Infatti già membro dello storico gruppo Le Colonne, ne crea uno suo con gli amici del rione omonimo.
Durante gli anni numerose persone si sono avvicendate assieme a lui per rinnovare il gruppo ma l’impianto di base è rimasto sempre lo stesso.
Anche il loro modo di interpretare i tappeti è cambiato poco: semplicità, colori vivaci e grande attenzione alla tematica religiosa, svolta comunque con buona originalità.

La Badia

Nasce per volontà dei fratelli Dalle Luche, dopo la scissione del gruppo Frates, e raccoglie attorno a sè il Rione La Badia, già organizzatore di concerti organistici e mostre d’arte nel complesso monumentale dell’omonima abbazia benedettina. La semplicità, la forte simbologia religiosa e il gusto per i tappeti tradizionali sono queste le note caratteristiche di questo gruppo. Spesso utilizzando il colore neutro della segatura, cercano di riportare il tappeto alla sua essenza, alla sua origine di omaggio per una manifestazione soprattutto religiosa. Inoltre nei loro lavori c’è una ricerca di tutte quelle immagini che hanno fatto la storia di Camaiore. Non a caso ci sono vari omaggi all’iconografia delle chiese e ai Santi del nostro territorio.

C.RE.A. Cimbilium

Nato nel 2000 dalla cooperativa omonima, con l’obiettivo primario di poter integrare le attività del centro disabili con le oppurtunità offerte dal territorio, in modo da creare effettive occasioni di integrazione con la gente. Da allora i tappeti che sono riusciti a realizzare sono cambiati sia in lunghezza che in complessità, affidandosi alla vena ispiratrice degli ospiti del Centro; ma la voglia e l’entusiasmo di partecipare e di incontrare le persone per strada era rimasta la stessa. Certamente originali i lavori di questo gruppo, si caratterizzano per la semplicità dei disegni e la forza del messaggio che essi intendono esprimere.

Amici Tradizioni Popolari

Nato nel 1983, grazie al prof. Franco Benassi che si unisce ad un gruppo già formato l’anno precedente da Giovanni Rombi, al quale poi si aggiungono Pietro Bartelloni e Vincenzo Ceragioli. Il gruppo è da sempre caratterizzato dall’armonia dei motivi floreali e la ricerca del colore. Ci sono inoltre nei tappeti una morbidezza delle sfumature e un’originalità nello sviluppare i temi religiosi.
Sono i primi innovatori,infatti hanno sperimentato le varie tonalità del colore,con una ricerca cromatica sempre più impegnativa, raggiungendo un notevole effetto anche dal punto di vista plastico e chiaroscurale.
Fra i tanti tappeti realizzati spiccano “Spighe, tralci di vite e farfalle” e “La musica divina” ma anche le collaborazioni col gruppo La Torre, alla ricerca di strade maggiormente pittoriche e sperimentali.
Lo stesso dicasi delle innovazioni nel campo della tecnica, trovando materiali alternativi al classico stampo di compensato.

Momenti della lavorazione

L’IDEA E IL BOZZETTO

Ogni gruppo ha un disegnatore, un ideatore che realizza il bozzetto preliminare, dal quale verrà realizzato il tappeto. Questa è la fase progettuale, preparata nei mesi invernali e dall’idea dopo la verifica con i componenti del gruppo si realizza il bozzetto in scala con le dimensioni in larghezza e lunghezza, lo sviluppo della fase decorativa, la figura centrale o altre scelte che esplorano soluzioni diverse.
Una delle scelte da definire nel bozzetto è la fascia laterale, la cornice cioè del tappeto, ma anche in questo caso il disegnatore può esplorare altre soluzioni come la non scelta della cornice, per cui il disegno centrale domina fino al bordo o altre esperimenti innovativi. Come possiamo capire la scelta del disegnatore è determinante e tutto il gruppo deve poi condividere tali scelte e tradurle in operatività. Un lavoro quindi individuale che richiede poi la condivisione per un lavoro d’equipe.

Il bozzetto oltre che necessario per il trasferimento delle immagini serve per la scelta dei colori. Viene pertanto predisposto uno schema del bozzetto con la ripartizione degli spazi e la scelta dei colori: il piano dei colori prevede lo strato iniziale e le fasi successive secondo i diversi spazi e sarà utilizzato dai componenti del gruppo per la colorazione della segatura.

bozzetto

IL BOZZETTO TRASFERITO SU LEGNO

Questa fase propriamente tecnica richiede il trasferimento del bozzetto sui fogli di compensato, con la sequenza dei vari motivi o figure, stabilendo i vari passaggi cromatici. Ogni disegno su compensato rappresenta un colore o più colori in sfumatura. Questa operazione avviene attraverso il trasferimento classico del riporto grafico o attraverso mezzi tecnici operativi (oggi molto utilizzati la lavagna luminosa o il proiettore di immagini). A disegno terminato i fogli di compensato sono pronti per l’intaglio e diventare quindi quello strumento indispensabile ed unico che prende il nome di “stampo”.

disegno

Disegno

GLI STAMPI

Gli stampi sono strumenti indispensabili per la realizzazione dei tappeti di segatura. Il materiale che si usa per costruirli è il compensato che è formato da sfogliati cioè da grandi fogli di legno (di spessore da tre a cinque millimetri).
Gli stampi dunque sono dei pannelli di compensato che variano nel numero e nella grandezza e su di essi vengono disegnate le immagini. Ogni pannello disegnato viene poi inciso con una penna ad aria, con frese o con un seghetto elettrico. Devono essere costruiti tanti stampi quanti sono i colori che si vogliono usare nella realizzazione del tappeto.
Quando i pannelli disegnati sono stati incisi si sovrappongono per vedere se coincidono dal primo all’ultimo. A questo punto gli stampi sono quasi pronti, vanno solo rifiniti perché più facilmente si possono usare. Si tracciano esattamente le dimensioni che si vogliono dare al tappeto e poi si taglia lo stampo sulla linea segnata. I listelli di legno vanno fermati lungo i bordi degli stampi per facilitarne la manovrabilità.
intaglio

LA SEGATURA

La segatura è un materiale incoerente e minuto che si produce segando il legno. La parola stessa ne denuncia l’origine. Infatti si trova nelle segherie del legname. Migliore è la segatura di pioppo perchè è chiara ed assorbe meglio il colore.
Spesso si usa però la segatura di pino o di abete perché più facili da reperire. La segatura viene ben setacciata con appositi stacci di più misure con rete più o meno fitta. La segatura pronta viene colorata secondo la quantità ed i colori richiesti dal progetto.
Ogni quantità da colorare viene ammucchiata sul pavimento ben pulito, mentre in un secchio viene diluita nell’acqua l’anilina, una polvere colorante. L’acqua così colorata viene versata lentamente nella segatura da una persona, mentre le altre con le mani la rivoltano e la impastano, evitando che si formino grumi pieni di colore concentrato. Questa operazione dura fino a quando la segatura è tutta omogenea del colore desiderato. Oggi questa “storica manualità” è sostituita con una impastatrice utilizzata nel campo edile che sostituisce il lavoro di impastatura.
Comunque terminata l’operazione la segatura viene lasciata un giorno esposta all’aria e poi chiusa con la giusta umidità nei sacchi di nylon per conservarla fino alla realizzazione del tappeto.

L’ANILINA

L’anilina è il tipo di colorante come abbiamo detto utilizzato per impastare la segatura. E’ un colore concentrato indelebile, utilizzato nella colorazione della carta a livello industriale, adatto per la segatura che ha una forte assorbenza essendo legno. In commercio la troviamo in polvere e liquida, ma entrambe devono essere diluite in acqua, meglio ancora con l’alcool. Questo permette un migliore assorbimento del colore e nel tempo la segatura colorata si può mantenere in sacchi di nylon chiusi. Il colore deve essere assorbito uniformemente e quindi l’impasto è determinante. Oggi si utilizzano per lo più altri coloranti atossici, soprattutto quelli utilizzati per la colorazione e la stampa dei cartoni alimentari.

La grande magia

La terra di Camaiore è ricca di molte tradizioni e fra queste occupa un posto di rilievo quella dei tappeti di pula colorata, realizzati in occasione della solenne processione del Corpus Domini.
Non sappiano con esattezza a quale epoca risalgano, dal momento che non esistono fonti documentarie che ne sanciscano un’origine ben definita nel tempo, anche se sono state avanzate varie ipotesi a volte invero assai fantasiose. Infatti alcuni ne attribuiscono la paternità all’estro e all’inventiva di alcuni artigiani locali, altri ai servitori spagnoli dei principi di Borbone, residenti nella vicina villa di Capezzano Pianore.

Sta di fatto che, a dispetto dell’inevitabile usura degli anni, questa particolare forma d’arte e di devozione è giunta ai giorni nostri, riuscendo a rinnovare ogni anno il suo particolare fascino.
I vari gruppi di tappetari, accomunati dall’identica passione, ma rigorosamente contrapposti secondo un sano spirito di competizione, si dedicano alla produzione di questi singolari manufatti seguendo le fasi di una lavorazione che richiede molto impegno e cura.
Innanzitutto si pone mano al bozzetto che dovrà sviluppare il tema religioso proposto all’interno delle rigide misure del tappeto (2 metri circa di larghezza per 35 metri e più di lunghezza). Poi si passa al calcolo degli stampi in legno, intagliati in base al numero delle forme e dei colori. Infine si setaccia e si colora la segatura di legno, secondo una vasta tavolozza di sfumature e tonalità. Questa fase preparatoria richiede molta esperienza dal momento che si tratta di una tecnica particolare e assai complessa. Alcuni giorni prima della festa poi i vari gruppi scendono in strada per tracciare con il gesso sul selciato le linee del tappeto, evidenziando i contorni, delimitando i vari quadri, indicando i cambi di colore del fondo.
Si arriva così al giorno della vigilia quando all’imbrunire, inizia per tutti la grande magia. Muniti di stacci e sospesi su traballanti assi di legno, i volenterosi tappetari attendono alacremente al loro lavoro:chi calcola la posizione degli stampi, chi li pone a terra, chi sceglie i colori, chi stende la segatura, chi esegue le sfumature. Tutto secondo un comune progetto che li impegnerà per l’intera notte: solo all’alba si compirà il prodigio e le vie del centro cittadino si ammanteranno di delicati e variopinti tappeti.

580712_10201285637405550_58928375_n

Basta poco però per guastare l’incantesimo: uno scroscio improvviso di pioggia o un soffio violento di vento. Allora quella magica polvere colorata si disperderebbe inevitabilmente, tornando ad essere informe segatura. Ma è un rischio da correre: di lì a poco i fedeli sfileranno in corteo e ammireranno stupiti ed increduli i vari lavori, rammaricati in cuor loro che tali capolavori debbano durare solo le brevi ore di un mattino. Stupore e rimpianto, gioia e nostalgia, sono i sentimenti che accomunano tutti coloro che vivono questi momenti, siano essi spettatori o tappetari. Questi ultimi poi, appena il lavoro è ultimato, si ritirano in gran fretta, non tanto perché vinti dalla stanchezza, quanto per non assistere impotenti al repentino epilogo della storia.
Ed è forse proprio questo aspetto a costituire il segreto della manifestazione, dove la bellezza delle opere è intimamente legata alla sua stessa precarietà, la ricchezza del risultato intrisa della povertà del materiale adoperato. Sono proprio questi contrasti che la rendono unica e la connotano di un valore che, aggiungendosi al significato religioso, dischiude nuovi orizzonti di senso, più profonde motivazioni.PFM_1-172-e1370171962456

Da sempre l’espressione artistica si vuole legata al desiderio di immortalità del suo autore. “Muor Giove, e l’inno del poeta resta” afferma Carducci, descrivendo con queste parole la capacità dell’arte di superare i suoi limiti temporali, per presentarsi, secondo un’idea romantica, universale ed eterna. L’ opera d’arte sopravvive al suo autore, rimanendo come testimonianza di chi l’ha realizzata, espressione del suo ingegno, manifestazione della sua personalità. E’ l’autore che traspare in essa e grazie ad essa si perpetua la sua intenzionalità espressiva.
Che dire allora dei nostri tappeti, anch’essi certamente frutto di una creatività artistica, che al contrario sono fatti per non durare nel tempo?
Per essi non è tanto l’artefice a svolgere un ruolo decisivo, quanto lo spettatore: è lui che dovrà, una volta che l’oggetto non ci sarà più, ricostruirne il significato, farne rivivere la bellezza nel tempo. Così tutta l’enfasi legata alla manifestazione si concentra soprattutto sulle fasi della realizzazione. L’originalità del tappeto è quella di essere ammirato in fieri, man mano che strato su strato, stampo su stampo, viene ultimato. Più che l’opera, è determinante il momento in cui essa nasce e si realizza, il modo in cui la creatività dà forma alla materia: il farsi più che il prodotto finito. L’espressione artistica diventa quanto mai incontro, temporaneo contatto, scambio di sensazioni ed emozioni fra individui. Ciò che resta dopo il distacco non è niente di concreto, ma solo la memoria di quella esperienza.

Questa caratteristica accomuna la nostra tradizione a quella dei mandala, i tipici disegni eseguiti dai monaci buddisti servendosi di polveri colorate. Anche la loro realizzazione richiede un lavoro lungo e paziente ed anche in questo caso, una volta ultimati, il loro artefice dopo una breve preghiera, li distrugge. Il significato di questo gesto va ricercato nella valenza simbolica del mandala visto come uno spazio armonioso all’interno del quale si realizza il nostro incontro con il divino. Una volta che tale incontro è avvenuto, l’oggetto in se stesso perde di valore e perciò viene distrutto.
Anche in questo caso il messaggio trasmesso è legato a un senso di armonia mista a precarietà, di bellezza velata di povertà. Fondamentale poi è il tema dell’incontro, cioè di una esperienza profonda e al contempo fugace. L’incontro è breve e tuttavia ci segna intimamente, è limitato nel tempo e nello spazio, tuttavia il suo ricordo ci seguirà per sempre. In esso la felicità provata prevede già il dolore per l’imminente separazione. Anche i nostri tappeti godono di questo privilegio: dotati di un’esistenza tanto breve, essi sono più ricordati che visti, ci appartengono come memoria più che come esperienza.944456_10152862835185304_1310255990_n

Altro elemento di originalità della nostra manifestazione riguarda il materiale adoperato. Nella società consumistica, dove il nuovo divora il vecchio, lo espelle e lo annienta, dove ciò che non serve diviene inutile spazzatura, l’utilizzo della segatura, cioè di un materiale di scarto, acquista un particolare significato. Infatti il suo riutilizzo e valorizzazione non va vista come semplice riciclaggio, ma come la possibilità, proprio attraverso la dimensione artistica e creativa, di dare nuova vita e dignità a ciò che all’apparenza può apparire inutile. Un modo anche questo per sottrarsi alle attuali politiche di rottamazione che oltre a svalutare oggetti e materiali, finiscono per mostrare come inutili e superati anche i valori e le tradizioni culturali.
I tappeti di segatura, visti nella precarietà della loro esistenza e nella povertà del materiale che li costituisce, si legano così al nostro ambiente, allo spazio della nostra vita, per scenografia, per colore, per consistenza, per recupero ecologico, per sentimento verso le cose semplici, per insicurezza e instabilità. Diventano nostra particolare espressione, testo originale della nostra realtà. Proprio perché autentica e genuina, questa tradizione, a dispetto del tempo, ha trovato la forza di non estinguersi, ma di rinnovarsi, riuscendo a comunicare all’interno delle sue abituali forme espressive, il nostro sentire ed il nostro particolare modo di essere.

DSC09413.JPG

Questa evoluzione è ben visibile se esaminiamo i lavori eseguiti negli anni dai vari gruppi. Sebbene ciascuno di essi abbia cercato di sviluppare un proprio stile, è evidente il desiderio da parte di tutti, di migliorarsi sia dal punto di vista tecnico, sia per quanto riguarda i contenuti.
Accanto a tappeti più tradizionali, nei quali gli elementi decorativi più o meno elaborati si ripetono secondo un dato schema, ne abbiamo altri che propongono un preciso tema figurativo che si sviluppa per tutta la lunghezza dell’opera. Inoltre accanto al significato religioso, alcuni lavori hanno introdotto temi e problematiche sociali di scottante attualità.
Sempre di più il tappeto è diventato da puro oggetto decorativo, mezzo di rappresentazione e racconto.

Pier Paolo Dinelli